Il beautycase è l’accessorio delle donne per antonomasia. Sempre più utilizzato di generazione in generazione sia per per i viaggi che da tenere come organizer dentro casa. Un beauty, così chiamato con un diminutivo, è uno strumento che vi permette di sistemare tutti gli oggetti personali, soprattutto quelli circoscritti alla cura della persona e all’igiene personale, all’interno di diversi scompartimenti propri del beauty. In questo modo sarà molto semplice mantenere l’ordine. Può essere a forma di borsa oppure di trolley, piccola o grande, con pochi o con molti scompartimenti. In base alle proprie esigenze e alla quantità di creme e lozioni che bisogna riordinare, sceglieremo il beauty più adatto. Su internet e in particolare nei negozi online, i beautycase spopolano e ce ne sono davvero di tanti modelli differenti. In questo articolo proveremo a spiegarvi al meglio tutto ciò che c’è da sapere sui beautycase, il modo in cui possiamo scegliere, le forme, i materiali giusti e le dimensioni in base alla destinazione d’uso.

Quando serve il beauty case

Naturalmente occorre pensare bene a diversi criteri di scelta, che possono in qualche modo darci un’idea di come scegliere. Quando si parla di organizzazione del viaggio è essenziale non dimenticare nulla è vero, ma è altrettanto importante poter portare tutto l’occorrente e poterlo trovare nella borsa facilmente. Per questo il beautycase è considerato un oggetto dal quale è impossibile separarsi soprattutto in viaggio. Non è certamente questa l’unica occasione di utilizzo. Un beauty lo si può usare anche a casa per custodire in maniera organizzata ed ordinata tutti i prodotti per la cura della persona: dalle creme ai trucchi, fino ad arrivare ai più piccoli oggetti quali mollette per capelli. A casa il beauty al posto di un mobiletto è essenziale qualora non abbiate spazio nei mobiletti e volete tenere il tutto più o meno sistemato e sempre a portata di mano senza sparpagliare tutto sul davanzale del bagno.

In viaggio questa esigenza è dettata anche dalla necessità di non perdere gli oggetti in valigia ma soprattutto di non disperderne il contenuto a causa delle sollecitazioni che riceve la valigia. Spesso accade che si aprono bottiglie, lozioni e contenitori di creme che rovinano i vestiti e la valigia si sporca al punto da trovarci in difficoltà appena giunti a destinazione.

Modelli disponibili in base alle esigenze

Come abbiamo già accennato esistono tantissimi modelli di beautycase: ce ne sono per tutti i gusti, di tutte le forme e i modelli. Possiamo scegliere in base ai nostri gusti estrosi e quindi optare per modelli colorati, grandi e ricchi di scomparti, oppure per beautycase piccoli, minimal e semplici anche nelle colorazioni. Oltre al design, naturalmente è da considerare il materiale e quindi il tessuto di realizzazione. Per non sorprendersi in una situazione di completa indecisione è sufficiente prestare attenzione a piccolissimi dettagli iniziando proprio dal capire in quale contesto ci occorre il beauty, quanti oggetti realmente serve custodire e soprattutto di che tipo. Se ad esempio è importante inserire lozioni e contenitori di vetro è bene optare per un beauty che abbia i tessuti molto resistenti e che possano attutire i colpi.

Se siamo a casa sicuramente i materiali e la scelta diventa meno esigente e i materiali diventano meno importanti nella scala delle priorità dal momento che in teoria si tratta di un beauty che non muoveremo dalla nostra dimora. Se invece siamo soliti viaggiare e usare lo stesso beauty per diverse situazioni e quindi portarlo in viaggio all’occorrenza, vi suggeriamo di fare attenzione anche al numero di scomparti oltre che al materiale utilizzato.

Possiamo distinguere i beauty da casa , i beauty da viaggio e i beauty da borsetta, che sono modelli ancora più piccoli che servono a custodire pochi oggetti, semplici e necessari giusto per qualche ora fuori casa. Vediamo insieme le caratteristiche di tutti e tre i tipi di beauty.

Beautycase da casa: i beauty che teniamo a casa si presentano rigidi e molto capienti. Dal momento che sono pensati proprio per rimanere dentro casa sono molto spaziosi e possono a seconda del modello scelto, essere anche molto accessoriati. Se si ha poco spazio in bagno e i mobili non risultano sufficientemente capienti, il beauty case diventa un importantissimo accessorio che possiamo anche agganciare al muro per avere sempre tutto a portata di mano. Dunque in questa versione il beauty risulta un ottimo salva spazio ed eventualmente lo si può utilizzare anche in camera da letto, nell’armadio o in un mobile qualunque per sistemare la biancheria intima, le cinture ed eventuali altri oggetti che non vogliamo si perdano fra i vestiti.

Beautycase da viaggio: il beauty da viaggio è il modello più variabile in quanto lo possiamo trovare sia in versione morbida che in versione rigida o semi rigida. Si tratta sicuramente di questione di gusti, ma per quanto riguarda capienza e e rigidità il tutto lo si sceglie sulla base della propria necessità. Quanti flaconi abbiamo da portare con noi? In che tipo  di contenitore si trovano le creme e le le varie lozioni? Se gli oggetti da custodire, così come anche il make up è fragile e suscettibile di rottura è consigliabile optare per materiali semi rigidi, imbottiti ed ultra resistenti. Una tipologia segnalata sempre sulle etichette delle confezioni e comunque segnalate anche online. In genere si opta per i modelli morbidi quando si tratta di beauty da mettere in valigia e quindi protetti dalla valigia ma comunque flessibili da poterli incastonare in qualsiasi spazio disponibile.

Beautycase da borsetta: il beauty da borsetta è molto particolare come beautycase in quanto probabilmente il più utilizzato da sempre ma anche meno considerato nella scelta. Sono beautycase piccoli e morbidi poiché pensati per dover entrare in borsa: alcuni sono anche trasparenti per consentire una rapida ricerca degli oggetti custoditi all’interno di essi. Non hanno che un unico scompartimento giusto per permettere di organizzare l’occorrente per una giornata fuori casa e non di più. Si possono usare per portare il make up di rifinitura, gli elastici e le mollette per i capelli, il telefono cellulare, le chiavi e qualche altro oggetto di disponibilità immediata.

Struttura e materiali

Prima di scegliere un buon beautycase, dovremmo pensare anche alla struttura e alle dimensioni: non possiamo certamente andare alla cieca e prendere modelli non compatibili con la propria casa o la nostra valigia. Abbiamo già accennato che per quanto concerne struttura del beauty, dobbiamo fare distinzione fra modello semirigido, modello rigido e modello morbido.

Il modello rigido,  a meno che non dobbiate proteggere molto bene il contenuto, è sconsigliato da portare in viaggio in quanto non versatile ma ingombrante che va ad occupare uno spazio esagerato che non conviene in valigia o nel borsone. Il modello rigido tuttavia è per antonomasia quello del bagaglio a mano, dotato quindi di rotelle e di maniglia. Non sempre il beauty è a rotelle, ma i modelli rigidi e più capienti in assoluto sono strutturati così e li si possono utilizzare anche per sistemare dei vestiti; insomma per chi ha esigenze particolari. Un modello rigido è anche più piccolo, di norma della misura di circa 30 cm x 35 cm ed ha delle maniglie e una tracolla. Non può essere dotato di scomparti in quanto spesso è fatto di ABS.

Il modello  morbido  è adatto a spostamenti meno sporadici e tipici di chi fa spesso le valigie. Si tratta di beautycase più compatti e leggeri anche di peso. La struttura è tipicamente flessibile e permette di poter sistemare il beauty anche in altre valigie e borse. Il vantaggio rispetto al beauty rigido sta nel fatto che può avere anche degli scompartimenti per organizzare meglio la separazione degli oggetti. L’ingombro è molto più limitato.

Il modello  semirigido è un buon mix di vantaggi fra i due modelli sopracitati in quanto dotato di scomparti riesce anche a dare quel supporto tipico del beautycase rigido che protegge efficacemente i contenitori anche più fragili e gli oggetti facilmente distruttibili con un piccolo urto. Hanno una buona flessibilità (non certamente come quelli morbidi).

Beauty case pieghevole, a valigia e a busta: come scegliere

  • Beauty case a valigetta: il modello di questo tipo si presenta a cofanetto ed è anche suddiviso in scomparti posizionati uno sull’altro come a cassetto. Come si può immaginare la struttura a valigetta non è propriamente leggero e si adattano bene ad un utilizzo domestico, da portare eventualmente anche in viaggio per uno spostamento da una zona all’altra che sia comunque all’interno di uno spazio chiuso. La struttura può essere sia rigida che semi rigida ed è anche molto capiente.
  • Beauty case pieghevoli: Questo genere è il più utilizzato dalle donne per portare con sé il trucco e gli oggetti che servono al make up. Hanno una struttura semi rigida fatta a portafoglio, che permette di chiudere più tasche su se stesse e quindi di ingombrare il meno possibile.
  • Beauty case a busta: Questo modello è il meno capiente in assoluto: unico scompartimento, forma e dimensione regolare e perfetti da portare in borsa per separare giusto uno o due oggetti. Si tratta di un modello non propriamente indicato per un viaggio ma semmai da integrare ad altro beauty più grande.

Extra e comfort

Siete arrivati a capire come deve essere strutturato il vostro beautycase ma c’è un altro aspetto fondamentale che riguarda gli accessori e che ultimano in qualche modo la vostra scelta: parliamo della presenza di zip e tasche, lucchetti eventuali e tanto altro. Questi accessori riescono a rendere sicuramente maggiormente efficiente il vostro beauty.

  • Elastici: Uno degli aspetti a cui molti guardano è la presenza degli elastici che che rendono semplice il trasporto e soprattutto sicuro. Importante questo accessorio nel beauty da viaggio per tenere fermo tutto l’occorrente.
  • Zip interne ed esterne: se vogliamo separare alcuni oggetti e tenerli rigorosamente custoditi al riparo da altri per far si che fra loro non si tocchino, occorre guardare alle zip sia interne che esterne. Anche questi elementi sono importanti nel beauty case da viaggio e se scegliamo un beauty ben fatto e di qualità avremo anche una zip duratura nel tempo che non tende a bloccarsi o a rompersi.
  • Tasche traforate: le tasche traforate hanno un aspetto reticolato che permettono di separare il contenuto del beauty ma anche di lasciare intravedere il contenuto e di conseguenza di trovare velocemente gli oggetti all’interno. Inoltre ai controlli eventuali in aeroporto è possibile effettuare un rapido sguardo senza dover per forza tirare fuori tutto l’occorrente.
  • Specchietto : se il vostro beauty contiene principalmente trucchi e make up di varia natura, lo specchietto è un oggetto in più che vi consentirà di rifare il refill senza bisogno di acquistare un altro specchietto.
  • Gancio: il gancio nel beauty è quasi sempre presente sia nei modelli da viaggio che in quelli da casa. Quasi sempre assente nel modello da borsetta. permette di agganciare il beauty sia da aperto che chiuso su un muro. la presenza di un gancio a un’estremità del beauty case permette di appenderlo agevolmente alla parete. In questo modo possiamo evitare di appoggiare il beauty su superfici di ambienti sconosciuti e magari poco igienizzate.
  • Manico: sembra quasi superfluo, ma il manico agevola la presa e il trasporto. Controllate sia sempre presente.
  • Lucchetto: un oggetto non obbligatorio: un optional quindi che però consente di custodire i nostri oggetti personali in maniera intima; sicuri che nessun altro potrà accedervi.
  • Tracolla: Non tutti i beauty ce l’hanno: in genere presenti sempre nel modello semi rigido. Utilissimo e comodo per chi utilizza un beauty di dimensioni medie da poter portare con sé al di fuori della valigia.

Praticità d’utilizzo e design

La praticità di un beautycase dipende molto dagli scompartimenti presenti e dalla presenza di tracolle, maniglie ed eventualmente elastici e lucchetto. Per una praticità unica e massima, vi suggeriamo di controllare che ci siano abbastanza scompartimenti e tasche per quanti oggetti abbiamo da custodire e portare con noi. Se il beautycase non vi permette di sistemare bene e di trovare immediatamente i vostri oggetti ma di doverli estrarre tutti per cercarli probabilmente non è adatto alle vostre esigenze.

Il beautycase a rotelle: caratteristiche

Il necessaire da viaggio è indispensabile per tenere in ordine cosmetici e oggetti durante gli spostamenti. Le dimensioni dipendono in stretta misura dal gusto personale e dal mezzo di trasporto prescelto. L’interno del beauty dovrà essere dotato di numerosi scomparti e tasche, perfetti per proteggere i tuoi effetti personali. Due gli accessori che possano rivelarsi utili: la tracolla e il lucchetto. Il modello ideale è il beauty case travel con gancio, perfetto per adattarsi anche agli spazi più angusti. Compatto e flessibile, occupa pochissimo spazio in valigia ed è generalmente a portafoglio, morbido e pieghevole. Prima di acquistare il tuo beauty case verifica la solidità delle maniglie e l’accuratezza delle cuciture. La borsa per il trucco deve essere realizzata con materiali di ottima fattura e soprattutto resistenti.

Beauty case per nail art o make up professionale

Il beautycase è uno degli oggetti più utilizzati dalle truccatrici e dalle nails artist. Si tratta di un vero e proprio biglietto da visita per cui è importante ovunque andiamo e presentiamo il nostro beauty che questo sia abbastanza ordinato e sempre efficiente nel farci ritrovare l’occorrente velocemente senza rovistare in maniera ossessiva. Il beautycase professionale è dotato quasi sempre di rotelle e maniglie. Si tratta di un vero e proprio trolley e può custodire proprio perché molto capiente lampade per l’asciugatura delle unghie, occorrente per la cura delle mani e tutte le frese e i colori.

All’interno troveremo con ogni probabilità un imbottitura di velluto che serve ad attutire eventuali urti e a proteggere tutto l’occorrente di norma sempre molto delicato.  Prestate attenzione poi alle dimensioni poiché trattandosi di oggetti per il lavoro è essenziale che il beauty possa contenere ogni cosa ci serve al momento, senza dover sovrapporre nulla.

Materiali utilizzati

Il materiale con cui è realizzato un beautycase è di norma variabile sulla base del tipo di modello scelto. I modelli rigidi sono sempre in alluminio e in ABS oppure in materiale semplice plastico.  Mentre quelli semirigidi sono quasi sempre in poliestere e poliuretano. I modelli morbidi, flessibili e leggeri sono in cotone oppure in cotone e in poliestere. Ma la scelta deve essere particolarmente basata su quello che è il materiale interno di rivestimento che preferibilmente dovrà essere impermeabile poiché servirà a proteggere il beautycase da eventuali liquidi e acqua soprattutto se parliamo di un modello da viaggio. Questo problema non si pone per i modelli rigidi che comunque se rivestiti internamente presenteranno un vantaggio ulteriore per l’attutimento dei colpi. Trucchi, contenitori di creme e lozioni possono anche accidentalmente rovesciarsi e rovinare l’esterno della valigetta. Con un rivestimento impermeabile questo rischio verrà evitato.

Importantissimo per lo stesso motivo è che i rivestimenti e i materiali siano facilmente lavabili e traspirabili. In questo modo saremo sicuri del fatto che non possono crearsi muffe e batteri. Il costo di un beautycase è comunque molto dipendente dal materiale e dalla dimensione del beauty stesso, oltre che del materiale con cui viene realizzato. L’ABS e quindi i beauty case a trolley sono quelli che costano di più e che fanno parte della fascia medio alta. Tuttavia in commercio possiamo trovare beautycase economici che partono da un minimo di 30-50 euro fino ad arrivare ad un massimo di 150-200 euro.

Anna Silvestrini

Back to top
Apri Menu
sceltatermoconvettori.it